CalcioEuropa League

Il decennio italiano della Coppa UEFA

Dicembre 16, 2020

Milan, Napoli e Roma vanno a caccia del successo in questa Europa League 2020/21. Il percorso dei 16mi non appare particolarmente complicato, ma arrivare ad alzare la coppa non sarà per niente facile, perché una squadra italiana non trionfa in questa manifestazione dalla stagione 1998/99, quando si chiamava ancora Coppa UEFA.

C’è però stato un periodo in cui le italiane dominavano in Coppa UEFA, tanto che la stessa coppa era stata ribattezzata Coppa Italia, tanti erano i successi delle nostre rappresentanti.

Erano i magici anni ’90 del calcio italiano, anche se i successi in Coppa UEFA erano iniziati qualche anno prima.

 

La fine degli anni ‘80

 

Ad inaugurare il decennio di successi delle italiane in Coppa UEFA è il Napoli, che fa sua la manifestazione nella stagione 1988/89. E’ il Napoli di Maradona, ma anche di Careca, e di tutti quei giocatori di lusso che orbitavano attorno al fenomeno argentino. Il Napoli eliminò nei quarti la Juve, rimontando lo 0-0 subìto a Torino all’andata con un 3-0 nei supplementari al ritorno, e poi superò in semifinale il Bayern Monaco. Nella doppia finale- fu così fino alla stagione 1996/97- i partenopei vinsero in rimonta in casa con lo Stoccarda, e il 3-3 del ritorno consegnò agli Azzurri il primo, e finora unico, successo internazionale.

La stagione seguente fu addirittura derby in finale di Coppa UEFA. La Juve allenata da Zoff superò la Fiorentina di Roby Baggio, che di lì a poche settimane sarebbe passato proprio in bianconero. La Juve vinse l’andata per 3-1 in casa, pareggiando poi il ritorno per 0-0 sul neutro di Avellino- la Fiorentina, che già giocava in “esilio” a Perugia per la ristrutturazione del Franchi, si vide il campo squalificato in seguito agli incidenti nella semifinale con il Werder Brema.

 

I magici anni ‘90

 

Negli ‘80 fu trionfo italiano quasi tutti gli anni. Nella stagione 1990/91, fu ancora derby in finale, con l’Inter del Trap che superò la Roma 2-0 a San Siro, contenendo i danni al ritorno, e l’unico gol di Rizzitelli non permise ai giallorossi di rimontare.

Nel 1991/92 vinse l’Ajax, ma le finali con il Torino furono combattutissime, e i granata persero la coppa solo per i gol in trasferta (2-2 al Delle Alpi e 0-0 ad Amsterdam). Gli ajacidi tra l’altro in semifinale avevano faticato per far fuori il Genoa di Bagnoli, che nei quarti aveva espugnato Anfield ed estromesso il Liverpool.

Nella stagione 1992/93 fu ancora la volta di un’italiana, con la Juve che si sbarazzò facilmente nella doppia finale con il Borussia Dortmund.

 

Il gol di Zanetti nella prima finale unica di Coppa UEFA contro la Lazio nel 1998

 

Stesso epilogo nel 1993/94, anche se l’Inter faticò parecchio per venire a capo del Salisburgo (doppio 1-0 nelle finali).

Nella stagione 1994/95, è ancora derby, con il Parma che sorprendentemente ha la meglio sulla Juve, grazie all’1-0 del Tardini, difeso con l’1-1 di San Siro, dove i bianconeri disputarono semifinale e finale in quella stagione.

Nel 1995/96 vinse il Bayern Monaco in finale contro il Bordeaux di Zidane, e nessuna italiana arriva nemmeno in semifinale, ma già l’anno dopo l’Inter torna in finale, e perde nella doppia sfida, anche se solo ai rigori, con i tedeschi dello Schalke 04.

Si torna al derby l’anno seguente, con l’Inter di Ronaldo il Fenomeno che distrugge a Parigi la Lazio, in quella che sarà la prima finale in gara unica di Coppa UEFA.

Nella stagione 1998/99 è ancora Italia, con il Parma che vince la finale di Mosca con il Marsiglia per 3-0, ma anche il Bologna arriva fino alle soglie dell’olimpo, battuto in semifinale proprio dai marsigliesi.

Da allora più nulla o quasi. Un paio di semifinali con Parma e Fiorentina, e la finale della scorsa stagione persa dall’Inter con il Siviglia.

E’ decisamente tempo di tornare ai fasti di un tempo…