CalcioSerie A

La formazione dell’Inter del Triplete: come giocava l’Inter di Mourinho

Novembre 29, 2021Marzo 11th, 2022

Dopo la “Grande Inter” di Helenio Herrera negli anni Sessanta, l’Inter più vincente è stata quella di Mourinho.

Il portoghese è rimasto a Milano solo due anni, ma in totale ha lasciato in eredità nella bacheca nerazzurra due scudetti, una Champions League, una Coppa Italia e una Supercoppa italiana.

L’annata che ha maggiormente contraddistinto il periodo di Mou all’Inter, è stata la stagione 2009/10, quella del Triplete nerazzurro. Mourinho spesso è stato accusato di essere un difensivista, e in effetti la sua Inter stava molto chiusa ad aspettare gli avversari, ma questo perchè aveva a disposizione una difesa solidissima, e delle frecce pronte a ripartire appena venivano innescate ( i vari Pandev, Eto’o, Milito).

Vai alle Scommesse sportive

Le formazioni dell’Inter del Triplete di Mourinho

Di seguito le 5 partite che a nostro avviso evidenziano al meglio la stagione del Triplete nerazzurro.

Serie A 2009/10 (Milan-Inter 0-4)

Wesley Sneijder era arrivato da pochi giorni da Madrid, ma Mourinho decise di buttarlo subito in campo nel derby con il Milan, e l’olandese fu decisivo fin dalla sua prima uscita.

L’Inter si porta sul 3-0 già nel primo tempo con Thiago Motta, un rigore di Milito e una rete di Maicon, e i nerazzurri possono sfruttare anche l’espulsione di Gattuso che lascia i rossoneri con 10 uomini in campo. Nella ripresa però la musica non cambia, Stankovic segna il quarto gol con uno splendido tiro da fuori area, e l’Inter ocnclude in trionfo il primo derby stagionale.

L’Inter si avvierà così a vincere lo scudetto, il secondo di Mourinho in due anni sulla panchina nerazzurra. Nel video la partita Milan-Inter 0-4.

Finale Champions League 2009/10 (Chelsea-Inter-0-1)

Dopo il 2-1 ottenuto sul Chelsea di Ancelotti nella partita d’andata, al ritorno Mourinho mette in evidenza tutta la sua sagacia tattica.

Il portoghese fa sfogare la sua ex squadra, ma nel secondo tempo la colpisce più volte con dei contropiedi ficcanti. Una di queste ripartenze va a segno, ed è proprio Eto’o, uno dei principali protagonisti du quell’incredibile stagione nerazzurra, a realizzare il gol decisivo. Rete che dà il passaggio del turno all’Inter, e gli apre le porte dei quarti di finale.

Semifinali Champions League 2009/10 (Inter-Barcellona 3-1)

Non era iniziata bene la semifinale per i nerazzurri, con Pedro che dopo 19 minuti porta in vantaggio i campioni in carica del Barcellona.

L’Inter del Triplete però non si arrende, continua subire il tiki taka blaugrana, ma come al solito i nerazzurri di Mourinho sono bravi a colpire al momento giusto. Sneijder nel primo tempo la pareggia, prima che Maicon ad inizio ripresa porti avanti i nerazzurri. Nel finale arriva il solito gol di Milito, che fissa il punteggio sul 3-1.

Il ritorno viene ricordato come una delle partite più sofferte dell’Inter di Mourinho, rimasta in dieci già nel primo tempo, e costretta a difendersi nella propria metà campo per tutta la partita. La squadra di Guardiola però realizza solo un gol, che non serve a ribaltare la contesa. E’l’Inter ad accedere alla finale di Madrid, la prima finale nella competizione dopo 38 anni.

banner scommesse sportiveFinale Coppa Italia 2009/10 (Roma-Inter 0-1)

Prima dello scudetto e della Champions League, il primo mattone per il Triplete nerazzurro è la Coppa Italia conquistata a Roma contro i giallorossi.

E’ la finale che viene ricordata anche per il calcione di frustrazione rifilato da Totti a Balotelli, ma soprattutto è la finale di Diego Milito, che la decide con un gol nel primo tempo.

Milito dà così il primo trofeo stagionale ai nerazzurri, ma a breve l’argentino sarà protagonista di gol ben più importanti. La formazione dell’Inter Triplete risulta ancora la più forte.

Finale Champions League 2009/10 (Inter-Bayern Monaco 2-0)

Al Bernabeu di Madrid, l’Inter sale sul tetto d’Europa esattamente 45 anni dopo l’uitmo successo nella massima competizione continentale.

Il Bayern di Van Gaal tiene di più la palla, ma è l’Inter a colpire come al solito al momento giusto con una doppietta di Milito. La formazione dell’Inter Triplete è al picco della sua forma.

Appena dopo il fischio finale, con il presidente Moratti che sta festeggiando assieme a tutti i tifosi, Mourinho annuncia di lasciare l’Inter per passare al Real Madrid. Ancora oggi, Mou è l’allenatore che i tifosi nerazzurri ricordano con più affetto.

Vai alle Scommesse sportive