Come vincere alla Roulette: tutte le strategie da provare

La Roulette è il gioco più amato e rappresentativo del mondo dei casinò. Un gioco dalle origini lontane nel tempo, capace di affascinare i popoli dell’antico mondo come i Greci e i Romani in occidente, fino a raggiungere le terre d’oriente della Cina. La moderna versione che conosciamo oggi, venne introdotta nelle sale da gioco Francesi durante il diciottesimo secolo; la Roulette nasce dall’unione di differenti giochi esistenti all’epoca, dalla fusione di tradizioni e regole provenienti da diversi paesi.

Come vincere alla Roulette

Lungo il corso degli anni sono state studiate molte strategie in grado di aiutare i giocatori ad ottimizzare le proprie puntate. Non si tratta quindi di sola fortuna; per tentare di indovinare il numero vincente infatti, possono essere utilizzate delle strategie capaci di ottimizzare al meglio le puntate. Non parliamo di regole che garantiscono una vittoria, ma di metodi utili per affrontare le partite nella maniera più organizzata possibile.

Sapere le regole per capire come vincere alla Roulette

Prima di iniziare a piazzare puntate, vediamo rapidamente le regole principali per giocare con la Roulette. Esistono due tipologie di tavoli della Roulette: la Francese (o Europea) e l’Americana. In entrambi i giochi troviamo una ruota e un tavolo suddiviso in caselle colorate e numerate. Nella versione più classica, la Francese, abbiamo 37 caselle in totale, colorate di rosso e nero, numerate dall’1 al 36 con un’unica casella verde in cui è presente il numero 0. Nella versione Americana abbiamo lo stesso numero di caselle, con la presenza però una casella verde in più con il doppio 0, per un totale di 38 caselle.

Sul tavolo da gioco sono disposte tutte le caselle. Qui è possibile scegliere i numeri sui quali effettuare una puntata:

  • Numero Pieno, numero unico
  • Cavallo, coppia di numeri adiacenti
  • Terzina, tre numeri allineati
  • Quartina, gruppo di quattro numeri adiacenti
  • Sestina, gruppo di sei numeri collocati su due linee adiacenti
  • Dozzina, gruppo di dodici numeri presenti nel 1°, 2° o 3° quadrato del tabellone
  • Colonna, gruppo di dodici numeri presenti nella 1°, 2° o 3° colonna del tabellone
  • Pari o Dispari, insieme di tutte le caselle comprendenti i numeri pari o i dispari
  • Rosso o Nero, insieme di tutte le caselle comprendenti il coloro rosso o nero

Nel momento in cui ci si siede al tavolo da gioco e si è pronti ad effettuare la propria puntata, si dovrà piazzare sulla casella, o sulle caselle, del tabellone le proprie fiches in corrispondenza del numero o della serie di numeri scelti. Il gioco ha inizio quando il Croupier lancia la pallina all’interno della ruota in movimento; quando la pallina termina la propria corsa e si posiziona in una delle caselle, si scoprirà qual è il numero vincente.

La infografica per capire come funziona la Roulette

Abbiamo creato un'infografica che riassume le regole che abbiamo visto nei paragrafi precedenti. Prima di capire come vincere ed attuare i metodi, sarà necessario comprendere tutte le regole della Roulette.

roulette-cheat-sheet-it

Le migliori strategie per vincere alla Roulette

Esistono molte strategie, studiate nel corso del tempo, utili per aumentare le probabilità di vittoria e per organizzare al meglio le scommesse. Vediamo i metodi più comuni, pensati soprattutto per chi desidera massimizzare le vincite evitando grandi perdite; le Strategie Progressive.

La Strategia Martingala

Una delle stretegie più conosciute per vincere alla Roulette, e anche la più semplice, è chiamata Martingala. Avuta origine nella Francia del XVIII secolo, fu pensata per un gioco molto simile al celebre testa o croce. In sostanza funziona così: per ogni puntata non andata a buon fine, la successiva scommessa deve essere fatta raddoppiando la posta della giocata precedente; questo permetterà di coprire sempre il valore della perdita subita. Alla prima giocata vinta, verrà recuperato per intero il valore perso sino a quel momento.

Una strategia un po' rischiosa soprattutto per i giocatori alle prime armi e per questo che ve la sconsigliamo.

Ci teniamo a ricordare che bisogna sempre scommettere rimanendo all’interno delle proprie possibilità economiche, evitando che il gioco abbia ripercussioni negative sulle proprie finanze o sulla propria vita sociale.giocare, Inoltre, il gioco d’ azzardo può creare dipendenza patologica. Gioca con criterio.

La Strategia Labouchère

Bisogna scrivere una serie di valori numerici, lunga o corta in base al proprio stile, che verranno giocati. La somma del primo e dell’ultimo determinano il valore della scommessa da piazzare. In caso di vittoria il valore viene cancellato e verrà giocata la successiva somma di numeri (primo + ultimo) a seguire, fino a cancellare tutti i numeri presenti. In caso di perdita, viene aggiunto alla fine della lista il valore corrispondente la scommessa appena persa. Si continua, scommettendo nuovamente la somma degli estremi.

La Strategia Paroli

Una strategia adatta a giocatori più navigati, che amano scommesse più rischiose. Per iniziare bisogna decidere il numero massimo di giocate da fare con questo metodo. Per ognuna della giocate vinte, la successiva puntata deve essere raddoppiata di volta in volta. Al termine delle giocate stabilite, se la media di puntate vincenti è maggiore, la somma delle giocate porterà del profitto al giocatore.

La Strategia D'Alembert

Un metodo appartenuto al noto matematico appassionato dei giochi del casinò. Questo metodo consiste nell’aumentare progressivamente il valore della giocata a seguito di una scommessa persa. Al contrario, dopo una giocata andata a buon fine, bisogna diminuire il valore della scommessa. Al termine delle giocate, la media finale porterà del profitto al giocatore.

La Strategia Fibonacci

Sistema noto per la famosa sequenza del matematico Fibonacci. Attraverso questo metodo si aumenta il valore della puntata dopo una perdita, sommando il valore del numero perso con il successivo della sequenza. Al contrario, dopo una vincita, va diminuito. Una strategia che porta profitto solo sul lungo termine.